In un solo anno, un milione di italiani in più hanno utilizzato il web.

“Un milione di persone in più in Italia hanno usato internet nel 2015, nel Paese le cose si muovono nella giusta direzione, non stiamo più fermi e da qui a due anni la P.a. sarà trasformata sotto il segno del digitale”, ha dichiarato il ministro della Pubblica amministrazione, Marianna Madia, nel giorno in cui si è completata una fase decisiva per il lancio dell’identità digitale, attraverso il Pin unico.

Le prime tre aziende che si sono fatte avanti per gestire, il Sistema Pubblico dell’Identità Digitale, meglio noto come SPID, sono state accreditate: InfoCert, Poste Italiane e Telecom Italia. Nei mesi prossimi se ne aggiungeranno altre. Il rapporto tra gli italiani e il mondo del web non è stato sempre positivo, fino a poco tempo fa l’Italia registrava ritardi a livello europeo, ma in questo anno le stime, confermate dal ministro Madia tramite Twitter, indicano un miglioramento della situazione.

L’anno che può rappresentare una svolta verso il digitale è il 2016: “Da gennaio credenziali uniche per l’accesso ai servizi online”, dichiara il ministro della P.a. con un tweet, dopo che l’Agenzia per l’Italia digitale (Agid) ha dichiarato idonee Telecom, Poste e Infocert come gestori del Pin unico.  “Cominceranno, sei Regioni (Piemonte, Emilia Romagna, Toscana, Liguria, Marche, Friuli Venezia Giulia), Agenzia delle Entrate, Inps, Inail e il Comune di Firenze, dando il via ad un percorso che entro 24 mesi porterà tutta la pubblica amministrazione a permettere l’accesso ai propri servizi digitali tramite credenziali uniche Spid”, dichiara l’Agid

Redazione News24G

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *