Usa, Wikimedia fa causa alla Nsa

In tutto il mondo, ma soprattutto negli Stati Uniti D’America dove viene considerata un diritto sacrosanto e inviolabile di ogni libero cittadino, la privacy è una questione di vitale importanza e come tale va protetta e tutelata.

Ed ecco perché Amnesty international, Wikipedia, l’Unione delle libertà civili americane e altre associazioni per i diritti civili hanno  deciso di denunciare l’Nsa e il dipartimento di giustizia Usa: questi organi accusano la NSA di aver violato il Primo emendamento della Costituzione statunitense, che tutela la libertà di espressione, e il Quarto emendamento che difende i cittadini da perquisizioni e sequestri immotivati.

Una denuncia del genere era già stata respinta dalla Corte Suprema con la motivazione che gli autori della denuncia non possono provare di aver subito un danno, ma nei mesi scorsi il governo è stato costretto, dopo le rivelazioni di Edward Snowden nel 2013, ad ammettere di aver utilizzato come pratica di sorveglianza il frugare nello scambio di dati via internet tra americani e interlocutori all’estero per identificare e monitorare obiettivi stranieri dell’intelligence.

Wikimedia, l’associazione che ha dato vita a Wikipedia, fondata tra gli altri da Jimmy Wales, e le altre associazioni contestano alla NSA anche il fatto che in seguito alla sorveglianza di massa diverse categorie di persone come clienti, giornalisti, funzionari governativi di altri paesi, vittime di violazioni di diritti umani e altri individui non avranno più intenzione di condividere con loro informazioni delicate come è successo fino ad oggi.

Redazione News24G

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *