Un punto inquinato ogni 54 km di costa, il bilancio di Legambiente

Ogni 54 chilometri di costa italiana c’è un punto inquinato da scarichi fognari senza depurazione. E’ quanto emerso dall’annuale monitoraggio di Goletta Verde, la barca di Legambiente che ogni anno in estate percorre tutta la costa italiana per verificare lo stato delle acque. Le rilevazioni sono state effettuate da giugno ad agosto e sono stati esaminati 265 punti, segnalati nel corso dell’anno dalle sezioni locali di Legambiente o dai cittadini per rischio di inquinamento.

Ne è emerso che ben l’88% di queste criticità si trova nei pressi di fossi, canali, foci di fiumi o scarichi presenti lungo la costa, mentre oltre la metà sono addirittura vicino a spiagge e stabilimenti, quindi frequentati da bagnanti. Su 265 punti, 137 sono risultati inquinati o perfino fortemente inquinati, con valori che superano i limiti consentiti dalla legge. Le situazioni più critiche sono state riscontrate nelle Marche, in Abruzzo e in Calabria, con problemi piuttosto evidenti anche in Sicilia e in Campania. Le regioni che hanno registrato situazioni positive sono Sardegna, Puglia e Veneto.

Giorgio Zampetti, responsabile scientifico di Legambiente, ha commentato la situazione: “Purtroppo i risultati deludenti in prossimità di foci, fossi e canali non ci sorprendono dal momento che il problema riguarda non solo le aree costiere ma interessa gran parte del territorio nazionale. Nonostante siano passati 11 anni dalle scadenze previste dalla direttiva europea sulla depurazione, l’Italia, infatti, è ancora in fortissimo ritardo. Circa il 25% della popolazione non è coperta da un adeguato servizio di depurazione e un terzo degli agglomerati urbani a livello nazionale è coinvolto da provvedimenti della Commissione europea. Sul nostro Paese pesano già due condanne e una terza procedura d’infrazione. Oltre i costi ambientali, ci sono inoltre quelli economici a carico della collettività: a partire dal 2016, il nostro Paese dovrà pagare 480 milioni di euro all’anno, fino al completamento degli interventi di adeguamento”

Redazione News24G

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *