Turchia, Erdogan sconfigge i golpisti con Facetime

Il presidente Erdogan, l’uomo che governa la Turchia da una dozzina di anni, scrive di nuovo la una pagina di storia, sventando un colpo di Stato attraverso la chat di Facetime.

Facetime è il sistema di videochianata di Apple che consente di collegarsi alla CNN turca, Erdogan l’ha utilizzata per lanciare un appello al popolo affinché scendesse in strada e reagisse al colpo di stato dei militari. “Sono ancora io il vostro presidente. Scendete in piazza e resistete”, ha affermato nel corso dell’intervista telefonica con la CNN turca mentre si trovava in volo sul suo aereo privato, facendo vedere al mondo che era vivo, in grado di difendersi e di appellarsi alla popolazione.

Il paradosso non può che venire in mente: proprio lui che aveva censurato quasi tutti i social network, come Facebook, Twitter,  Instagram e YouTube si è servito di una videochat per il messaggio decisivo, senza pensare che ora finirà sui libri con il volto sul display di un iPhone rilanciato dalla CNN turca.

Perché ormai la storia moderna si basa sull’immediatezza di questi sistemi di comunicazione, come il recente caso del poliziotto che nel Minnesota ha ucciso un uomo di colore, ripreso in diretta Facebook dalla fidanzata dalla vittima tramite smartphone.

Redazione News24G

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *