Scissione e gran caos in casa Arduino

Di certo è un gran bel pasticcio e al momento regna il caos: di certo si sa be poco riguardo Arduino, uno dei fiori all’occhiello del made in Italy quando si parla di innovazione e su come finirà l’intricata vicenda.

Il giallo riguarda i nuovi assetti dirigenziali in casa Arduino, la società ideatrice della piattaforma hardware open source nata nel 2005 da un team italiano che consente anche ai meno esperti di programmare e che è usata in tutto il mondo dai makers.

Da un lato vi sono le agenzie, che hanno annunciato che Federico Musto è il nuovo amministratore delegato di Arduino, che succede al co-fondatore e primo Ceo di Arduino, Massimo Banzi, ma dall’altro vi è l’ufficio stampa di Arduino che manda a Corcom una smentita: “Le affermazioni fatte dal signor Musto – dicono – non sono state condivise dalla società Arduino e Massimo Banzi non ha lasciato alcuna carica. Arduino risponderà con un suo comunicato nelle prossime ore”.

Un bel pasticcio, soprattutto per chi non è così esperto e si trova di fronte a due siti, Arduino.cc eArduino.org, che usano gli stessi loghi e che sembrano far capo alle stesse persone: a quanto pare  l’ipotesi più accreditata è quella di una scissione o di una spaccatura all’interno del team originale dovuta ad una visione di vedute differente.

Da una parte vi sarebbe Banzi vuole tenere il progetto legato al mondo dei maker senza stravolgimenti, dall’altra invece c’è chi pensa di dover dare una svolta “corporate” ad Arduino incentivando le collaborazioni con le grandi aziende e arrivando, in qualche anno, allo sbarco in borsa.

Banzi è da sempre riconosciuto come la figura simbolo di Arduino, ma Musto fa riferimento “a contatti con Panasonic” alla “volontà di conquistare il mercato cinese” e a “un progetto in collaborazione con Bosch per dialogare con i sensori di temperatura, umidità e pressione delle vetture automobilistiche”: in ballo ci sarebbero oltre 15 milioni di euro l’anno.

Capire ora cosa succederà è difficile e soprattutto chi la spunterà.

Redazione News24G