La leggera pioggia che in questi giorni ha bagnato Roma non è stata sufficiente per abbassare i livelli delle polveri sottili in città. Così, secondo i  dati dell’Arpa Lazio, anche il primo dell’anno i livelli di Pm10 hanno oltrepassato i limiti di legge in 12 centraline su 13.

Roma, pioggia non sufficiente per ridurre PM10

Gianfranco Mascia, portavoce dei Verdi, ha dichiarato tramite una nota: “Anno nuovo solito smog, purtroppo anche il primo dell’anno le centraline di Cinecittà, Magna Grecia, Preneste, Tiburtina, Francia, Arenula e Bufalotta hanno segnalato i dati delle PM10 relative all’inquinamento da polveri al di sopra della norma. La situazione nella nostra città rimane drammaticamente grave, come abbiamo indicato nell’esposto-denuncia che abbiamo presentato alla Procura della Repubblica di Roma. Nella denuncia ci domandiamo perché le indicazioni del Piano per il risanamento della qualità dell’aria, approvato dalla Regione Lazio il 10 dicembre 2009, siano rimaste disattese”.

“Ribadiamo ancora quanto scritto nell’esposto: Il Comune di Roma con molta probabilità ha mantenuto un comportamento di grave inerzia, sottovalutando il problema, attivando misure solo parziali per tutelare la salute della cittadinanza e quindi potrebbe configurarsi una inerzia nell’approntare le misure idonee a fronteggiare l’emergenza inquinamento, non essendosi attivato per salvaguardare la salute dei propri cittadini messa quotidianamente in pericolo. Essendo indispensabile un intervento di igiene pubblica per il pericolo alla salute dei cittadini che può derivare dall’inquinamento”, conclude Mascia.

Redazione News24G

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *