Regione Lombardia: “Contro l’inquinamento vietate l’uso di fuochi d’artificio”

“Vietate l’uso di fuochi d’artificio”, questo è quanto si legge nella lettera stata spedita da Claudia Maria Terzi, assessore di Regione Lombardia all’ambiente, indirizzata a sindaci, prefetture, direttori delle Asl, presidente di Arpa, comandanti delle polizie locali e provinciali e Corpo Forestale dello Stato.

“I fuochi artificiali e i giochi pirotecnici accompagnano i festeggiamenti ma va sottolineato che rappresentano una fonte molto importante di inquinanti, come dimostrano i dati degli anni passati. Fuochi e giochi pirotecnici – prosegue – determinano il raggiungimento di valori di picco elevati e un notevole peggioramento dei valori di qualità dell’aria nelle ore e nelle giornate immediatamente successive ai fuochi, con particolare riferimento alle polveri sottili (Pm10). Anche Arpa Lombardia evidenzia che la qualità degli inquinanti prodotti negli scoppi, presenti nelle polveri sottili, è particolarmente nociva, contenendo valori non trascurabili di potassio, stronzio, bario, magnesio, alluminio, zolfo, titanio, manganese, rame, cromo e piombo. In questa fase di stabilità termica, considerato che l’incremento delle concentrazioni degli inquinanti in atmosfera dipendono dalle condizioni meteo e dai comportamenti dei cittadini, è importante limitare al massimo, o vietare, lo svolgimento dei fuochi. Questo per un positivo effetto delle misure volte a garantire l’incolumità e il benessere delle persone e la tutela degli animali domestici”, afferma l’assessore.

La regione Lombardia non è da sola: i sindaci di Bologna, Carpi, Cortina, Trento, Brescia, Lucca, Modena, Pescara, San Benedetto del Tronto, Sassari e Viterbo hanno stilato delle ordinanze simili.

Redazione News24G

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *