Realtà virtuale per aiutare i bambini con difficoltà intellettiva

La realtà virtuale può essere d’aiuto ai bambini con difficoltà intellettive. Degli “occhiali magici” consentirebbero migliorare le loro capacità, frutto degli studi e dell’intuizione di alcuni ricercatori del Politecnico di Milano che hanno inventato “Wildcard“, sviluppato da Daniele Occhiuto.

Wildcard è un sistema che sfrutta la realtà virtuale per consentire ai più piccoli di immergersi completamente nelle storie raccontate dai loro terapisti durante la riabilitazione. “Il suo funzionamento è molto semplice: un telefono su cui viene installata un’applicazione e un visore per la realtà virtuale, questi 3 elementi sono sufficienti a garantire una esperienza immersiva e personalizzabile. Inserendo il telefono dentro il il visore è possibile aver un panorama a 360 gradi che si può esplorare semplicemente muovendo la testa”.

Mirko Gelsomini, Ricercatore Politecnico-MIT ha spiegato che “le ultime ricerche che abbiamo fatto dimostrano che wildcard puiò migliorare attenzione e concentrazione dei bambini con disabilità e in qualche modo supportare i terapisti e gli educatori utilizzando questo strumento”.

La nuova tecnologia è stata sviluppata dal gruppo I3Lab – Innovative Interactive Interfaces presso il Laboratorio HOC del Dipartimento di Elettronica, Informazione e Bioingegneria del Politecnico di Milano ed è solo una parte di un progetto dedito alla creazione di tecnologie e attività per i bambini disabili.

Redazione News24G