Pontoglio. Un cartello per “il rispetto dei valori occidentali”, voluto dal sindaco di centrodestra Alessandro Seghezzi.

Alessandro Seghezzi, sindaco di Pontoglio, già sotto le luci della polemica a causa dell’innalzamento del prezzo del certificato di idoneità alloggiativa a 425 euro, una maxi stangata sugli extracomunitari, ha affisso mercoledì dei cartelli di segnaletica stradale agli ingressi del Comune.

“Paese a cultura occidentale e di profonda tradizione cristiana. Chi non intende rispettare la cultura e le tradizioni locali è invitato ad andarsene”, queste le parole scritte sui nuovi cartelli della cittadina di 7mila abitanti in provincia di Brescia, apposti proprio alle porte del paese.

Il sindaco ha dichiarato che “L’iniziativa, in linea con le precedenti, rispetta le linee programmatiche di inizio mandato. E’ un invito a rispettare la cultura e le tradizioni locali. Una cultura che si fonda sul rispetto reciproco: dalla donna alla musica, dall’arte ai costumi, dalle usanze ai riti tradizionali. Il rispetto altrui, è per noi, la prima vera forma di civiltà e libertà”.

Laura Castelletti, vice sindaco di Brescia ha commentato la vicenda tramite un post sui social: “Pensavo di vivere in uno Stato Laico, ero pure convinta che in Italia non ci fosse religione di Stato e non sapevo che la donna potesse essere inserita negli usi e costumi di un Paese”.

Redazione News24G

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *