Mark Zuckerberg e lo scotch anti-hacker

Il CEO di Facebook, Mark Zuckerberg, sembra essere ossessionato dalla sua privacy. Dopo aver subito un attacco hacker a causa della scelta di password banali, come “dadada”, il papà di Facebook ha deciso di ricorrere a dei metodi “drastici” mettendo dello scotch “anti-hacker” su videocamera e microfono del pc.

Un po’ di nastro adesivo sulla videocamera e sulla porta audio del computer per evitare di essere “spiato”. Lo strano quanto efficace metodo è stato scovato per caso in una foto che lo stesso Zuckerberg ha postato su Facebook per festeggiare il raggiungimento del mezzo miliardo di utenti attivi su Instagram.

Dopo il recente attacco informatico e data la figura pubblica che ricopre, è naturale che Zuckerberg abbia timore che hacker esperti possano bucare i programmi di sicurezza e prendere il comando di webcam e microfono del pc per spiarlo, non c’è da biasimarlo se il numero uno di Facebook ha pensato di proteggersi alla vecchia maniera. E a quanto pare non è l’unico, anche il direttore dell’Fbi James Comey ha confidato di coprire con un nastro adesivo la webcam del pc, una misura tanto semplice quanto immediata di qualsiasi sofisticato software anti-hacker.

Il popolo del web si è comunque dimostrato impietoso sulla scelta di Zuckerberg e in tanti hanno commentato e ironizzato sulla paranoia del fondatore di una piattaforma digitale che ogni giorno raccoglie dati e informazioni di oltre un miliardo e mezzo di persone nel mondo.

Redazione News24G

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *