Lucio Dalla

Lucio Dalla, la cui scomparsa ha lasciato un enorme vuoto nel panorama musicale, anche dopo la sua morte fa emozionare le persone ma, a far battere il cuore, è la sua collezione.

L’artista possedeva una casa ricca, anzi stra-ricca, di opere contemporanee, foto, arredi antichi e oggetti di gran valore, tutti situati al piano nobile del palazzo, che si trova in via D’Azeglio a Bologna. Un tesoro inestimabili che non deve andare perso e, per evitare ciò, il ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini, tramite un messaggio postato su Twitter,ha annunciato: “Avviata la procedura per il vincolo sulla collezione di Lucio Dalla. Un patrimonio da non disperdere ma da conservare e valorizzare”.

Franceschini sottolinea l’immenso valore di oggetti “semplici” come una foto di Lucio Dalla con la mamma da giovane, situata nell’appartamento. Questa, come i tanti cimeli presenti, vanno tutelati ed è per questo che è importante catalogare ogni pezzo, destinando alla vendita quelli ritenuti non significativi per il vincolo.

Una decisione molto importante, che però sembra preoccupare la Fondazione Lucio Dalla, i cui membri temono che esaminare uno per uno gli oggetti possa impedire l’apertura della Casa Museo prevista per Marzo 2015.

Redazione News24G