Un gruppo di scienziati della London School of Economics hanno rivelato che le neomamme trentenni hanno più probabilità di avere figli più intelligenti e sani rispetto alle ventenni e alle quarantenni.

Lo studio è syayo pubblicato sulla rivista “Bioepidemiology and Social Biology” e dimostrerebbe che i bambini nati da madri trentenni mostrano migliori performance ai test cognitivi rispetto ai bambini figli di mamme ventenni, superando, di poco, quelli nati da donne quarantenni.

Secondo i dati del Millennium Cohort Study, che ha seguito lo sviluppo di 18mila piccoli inglesi, i ricercatori hanno analizzato l’impatto dell’età materna sul bambino, esaminando i figli di 5 anni.

Oltre alla classifica dei bimbi più intelligenti, gli studiosi hanno anche stabilito che le madri quarantenni giocano meno insieme ai loro bambini rispetto alle ventenni, ma in compenso leggono loro più libri, allattano più volentieri e fumano meno, ma hanno più rischi che il bimbo diventi obeso. Ma questi sono dati da approfondire, perché, spiegano gli scienziati, nel campione c’erano appena 53 neomamme quarantenni.

Secondo gli scienziati, sommando tutti gli elementi a disposizione, la madre ideale ha 30 anni: “Le donne che diventano mamme per la prima volta a questa età, per esempio hanno probabilità maggiori di essere più istruite, di avere un reddito superiore e di trovarsi in una relazione stabile. Inoltre seguono stili di vita più sani, hanno programmato la loro gravidanze e hanno iniziato a farsi seguire prima”, ha commentato al Times la ricercatrice della Lse Alice Goisis.

Redazione News24G

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *