La notte dei ricercatori sarà anche a Perugia

La notte dei ricercatori sarà anche a Perugia.

La tecnologia e la ricerca scientifica, dobbiamo dirlo, ultimamente stanno ricoprendo un ruolo sempre più importante nello sviluppo dell’umanità.

Il riconoscimento dell’importanza della ricerca, viene solitamente molto valorizzato, tranne che nel nostro Paese, in molti altri Paesi europei.

Noi siamo storicamente oltremodo arretrati da questo punto di vista. Non solo da un punto di vista culturale, retaggio di un’impostazione nichilista e religiosa che ci trasciniamo da millenni, ma anche in termini di finanziamenti. Anche se qualcosa, dobbiamo dire anche questo, sembra stia cambiando ultimamente anche in Italia.

Così fioriscono le iniziative di carattere scientifico anche nelle nostre regioni, come ad esempio in Umbria, a Perugia.

Il progetto si chiama Sharper e vede coinvolte, oltre al capoluogo umbro, anche altre quattro città italiane. L’inizio sarà il 30 settembre, e l’evento si terrà dal tardo pomeriggio fino a notte inoltrata.

Si tratta di un progetto a carattere europeo, direttamente finanziato dalla Commissione, nel quadro delle celebrazioni di Marie Curie. Sharper è uno dei sei progetti selezionati in Italia.

La ricerca scientifica scende in strada, non è più solo un fatto di laboratorio, con eventi, spiegazioni manifestazioni, didattica attiva.

Redazione News24G

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *