La CO2 si trasforma in etanolo, una scoperta casuale

La scoperta casuale della CO2 che si trasforma in etanolo.

Come noto, molte scoperte scientifiche sono avvenute in modo casuale. Non ultima, ovviamente, la scoperta della penicillina.

E’ successa una cosa simile presso l’Oak Ridge National Laboratory del Dipartimento dell’Energia statunitense, quando gli studiosi sono riusciti a sviluppare un processo elettrochimico che muta l’anidride carbonica in etanolo, usando un singolo catalizzatore.

La casualità della scoperta consiste nel fatto che in verità l’obiettivo dell’esperimento che stavano conducendo, era quello di studiare solo il primo step della reazione chimica.

Col catalizzatore utilizzato, composto di rame, carbonio e azoto, si è innescato il processo che ha consentito all’anidride carbonica disciolta in acqua di trasformarsi al 63% in etanolo. Tutto questo è successo a temperatura ambiente.

La scoperta casuale può essere utilizzata per varie applicazioni industriali, come ad esempio l’immagazzinamento dell’elettricità in più creata dalle fonti rinnovabili.

Invece di stoccare questa elettricità in grandi batterie, questa potrebbe essere trasformata in etanolo.

E parimenti, anche la stessa Co2 prodotta durante la combustione dell’etanolo, sarebbe a sua volta utilizzata dal catalizzatore. Il tutto si risolverebbe con un processo a emissioni zero, perfettamente compatibile con ogni tipo di ecosistema.

Redazione News24G

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *