Gooligan, Android in ginocchio: dati Google a rischio

Gooligan è un malware che mette in ginocchio i dispositivi Android con l’obiettivo di rubare tutti i dati Google.

Gooligan è tornato più agguerrito di prima. Infatti, il malware fu avvistato già una volta nel 2015 nell’app SnapPea.

Oggi il malware è tornato ed ha già infettato un milione di dispositivi mobile. I più colpiti sono i device Android che usano Jelly Bean, KitKat e Lollipop: in pratica quasi il 74% dei dispositivi Android in circolazione.

Quando entra in azione Gooligan fornisce agli hacker tutti i dati presenti su Google. Da Gmail a Google Photos, da Google Docs a Google Play, da Google Drive a G Suite, non c’è nulla che non sia a disposizione dei pirati informatici.

Il malware è in grado di installare circa 30mila app al giorno distribuendole sui dispositivi infettati. Da quando si è rifatto vivo. Gooligan ha già installato due milioni di app.

I ricercatori di Check Point appena si sono accorti degli attacchi del malware, hanno prontamente allertato Google che ha già alzato le barriere difensive revocando i token degli utenti colpiti, eliminando le malefiche app che si trovano nello store e potenziando la tecnologia Verify App.

Anche Check Point si è attivata rilasciando gratuitamente online uno strumento che permette agli utenti di controllare se sono stati colpiti o no da Gooligan.

Che fare se il telefono è infetto? Un re-flashing. Questa è l’unica possibilità. Ovviamente questa è una pratica che non può fare l’utente perché presuppone l’installazione di un sistema operativo pulito, nuovo di zecca.

Redazione News24G

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *