Google teme l’IA e lavora a un ”tasto rosso” per spegnerla

E se l’Intelligenza Artificiale superasse di gran lunga quella umana e tentasse di sopraffarci? Una teoria degna della saga di Terminator, ma che il colosso Google ha deciso di non sottovalutare. BigG si è già messa all’opera per creare un vero e proprio “pulsante rosso” per le emergenze, in grado di spegnere un’Intelligenza Artificiale in caso diventasse pericolosa per il genere umano.

Il sistema è frutto di uno studio condotto da DeepMind di Google e dall’Università di Oxford, ed è stato pubblicato sul sito del Machine Intelligence Research Institute dell’Università di Berkeley, in California, uno studio che si ritrova in periodo di grandissimi investimenti da parte della Silicon Valley sull’Intelligenza Artificiale.

Gli scienziati hanno spiegato di aver creato una specie di “pulsante rosso” che non solo è in grado di fermare le azioni di un’Intelligenza Artificiale, ma di impedire anche che la stessa intelligenza possa capire ed eludere il suo stesso spegnimento, anche se i ricercatori stessi hanno dichiarato al sito Business Insider che non è chiaro “se tutti i tipi di algoritmo possano essere ‘interrotti’ facilmente e in modo sicuro”.

E’ inquietante pensare che i ricercatori stiano realmente ragionando sul fatto che un AI possa evolversi al punto da diventare addirittura pericoloso per l’essere umano. Lo studio verrà presentato alla Conference on Uncertainty in Artificial Intelligence (UAI) a New York per la fine giugno.

Secondo il Future of Humanity Institute, le macchine diverranno più intelligenti degli esseri umani entro i prossimi 100 anni, e in quella data, con ogni probabilità, potrebbero essere in grado di prendere il controllo e ribellarsi.

Redazione News24G