Google cerca di conquistare utenza aziendale

Google non vuole lasciare terreni inesplorati o una potenziale categoria di utenti senza provare a offrire i suoi servizi sempre all’avanguardia, ed è in questa ottica che il colosso americano ha lanciato Android For Work.

Con il programma Android for Work, Google vuole rendere il suo sistema operativo a prova di azienda: in pratica  la costruzione di una piattaforma interna al sistema operativo del robottino verde, che ha l’obbiettivo di mantenere in contatto tra loro i dipendenti di una stessa azienda in modo sicuro anche sul proprio smartphone personale.

Android for Work, dedicato all’era BYOD (bring your own device),  si compone di quattro elementi: prodfili Work, Android for Work app, Google Play for Work e strumenti di produttività nativi.
In pratica l’approccio di Google consiste nel creare un profilo per il lavoro e uno per la vita personale ed il  tutto senza dover effettuare switch, anche se le apps work-centriche sono catalogate con un’etichetta arancione, per distinguere “Work Mail” o “Work Chrome” dalle icone personali.

Le app necessarie alla compagnia potranno essere distribuite ai dipendenti attraverso una versione ad hoc del negozio di appGoogle, battezzata senza troppa fantasia Google Play for Work. Da qui i gestori possono rendere disponibili gli applicativi necessari alla produttività aziendale e controllare a distanza che sugli smartphone non vengano installati software potenzialmente dannosi.

Per molti, i cellulari in genere sono diventati strumenti essenziali per portare a termine importanti attività lavorative come controllare le mail, scrivere documenti, aggiornare la pipeline di vendita e approvare contratti, eppure smartphone e tablet marchiati Android sono poco utilizzati nei luoghi di lavoro, dunque il loro potenziale di business rimane infatti largamente inutilizzato.

Redazione News24G

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *