Google Arts and Culture, la nuova app del Google Cultural Institute

Il colosso di Mountain View ha presentato la nuova applicazione del Google Cultural Institute, chiamata Google Arts & Culture, disponibile per i dispositivi mobili con sistema operativo iOS e Android.

“L’app vi permette di esplorare tutto ciò che preferite, dai gatti nell’arte sin dal 200 avanti Cristo al colore rosso nell’espressionismo astratto, e molto altro ancora. I nostri nuovi strumenti vi aiuteranno a scoprire opere e manufatti e a vivere esperienze culturali immersive circondati dall’arte, dalla storia e dalle meraviglie del mondo provenienti da più di mille musei in 70 paesi”, scrive BigG sul suo blog ufficiale.

“Con un visore per la realtà virtuale come Google Cardboard è possibile usare l’app Google Arts & Culture su iOS e Android per fare un tour virtuale della street art romana, entrare in una creazione del famoso street artist Insa o addirittura tornare indietro nel tempo di 2.500 anni e curiosare nell’antico tempio greco di Zeus. Potete anche iscrivervi al nuovo canale YouTube di Google Arts & Culture e scoprire cos’hanno in comune Kandinsky e Kanye West e incontrare il “cyborg artist” newyorchese Neil Harbisson”, prosegue il post, aggiungendo: “Sicuramente vi verrà voglia di ammirare alcune delle opere d’arte anche di persona, e l’app Google Arts & Culture è pronta ad aiutarvi. Scegliendo “Visita” sulla pagina di un museo è possibile vedere gli orari di apertura, scoprire cosa c’è in calendario quel giorno e ottenere le indicazioni stradali in un batter d’occhio”.

Google parla anche di una nuova opzione chiamata Art Recognizer: “Abbiamo anche testato una nuova e innovativa funzionalità: l’Art Recognizer è ora disponibile per la Dulwich Picture Gallery di Londra, l’Art Gallery of New South Wales di Sydney e la National Gallery of Art di Washington DC. Aprite l’app, puntate la fotocamera del telefono verso un dipinto presente nella mostra e scoprite tutte le informazioni che vi servono sull’opera d’arte in questione. Presto questa funzione sarà disponibile per i musei in tutto il mondo”.

Redazione News24G

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *