Diabete, il pancreas è danneggiato dall’olio di palma

Fermandosi a leggere le etichette dei prodotti che comunemente si acquistano, di tutte le più note marche commerciali, si nota la presenza massiccia dell’olio di palma: questo olio è presente nella quasi totalità dei prodotti alimentari, per il basso costo rispetto a burro e olio di oliva, e sono diversi anni ormai che gli esperti denunciano i danni che questo alimento comporta all’organismo.

L’ultimo allarme, ma solo in ordine di tempo, arriva da uno studio condotto dal professor Francesco Giorgino e dalla sua équipe dell’Università di Bari, secondo cui l’abuso dell’olio di palma causa gravi danni al pancreas, favorendo l’insorgere del diabete.

Nello specifico, denunciano gli esperti, la proteina p66 sintetizzata da questo olio è capace di distruggere le cellule beta del pancreas, che producono l’insulina, ormone essenziale per tenere sotto controllo la glicemia. Spalancando in pratica  la strada al diabete mellito.

Lo studio ha valutato gli effetti del palmitato, un acido grasso presente nell’olio di palma sull’espressione di questa proteina ‘killer’ a livello di isole pancreatiche umane e del topo, oltre che su cellule di insulinoma di ratto: l’ esposizione a palmitato ha provocato un selettivo aumento della proteina p66Shc e questo, a sua volta, ha indotto un aumento dell’apoptosi (morte cellulare programmata) nelle cellule umane e di ratto e nelle cellule di insulinoma di ratto.

Redazione News24G

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *