Artico, scioglimento record di ghiaccio marino: l’allarme NASA

Nel mese di settembre 2016 un satellite della NASA ha rilevato nell’Artico uno scioglimento record di ghiaccio marino.

Nei primi dieci giorni di settembre c’è stata una perdita di superficie di ghiaccio marino pari a 34.100 chilometri quadrati il giorno.

Una perdita enorme se si considera che la media si attesta a 21mila chilometri quadrati.

I satelliti NASA hanno rilevato nell’Artico una superficie ghiacciata di “soli” 4,14 milioni di chilometri quadrati: 30 anni fa erano più di 12 milioni.

I dati sono stati pubblicati dal National Snow Ice Data Center (NSIDC), parte integrante dell’Istituto per la Comprensione delle Dinamiche Ambientali (CIRES, Università del Colorado), in collaborazione con la Nasa.

Prima del 2016, un’altra riduzione così drastica del ghiaccio si era registrata nel 2012. In quell’anno la superficie ghiacciata in artico arrivò al minimo storico di 3,39 milioni di km quadrati.

Il record del 2016 fa il paio con quello del 2007, anno in cui si misurò una superficie ghiacciata di 4,15 milioni di km quadrati.

Ovviamente tali classifiche riguardano solo gli ultimi 37 anni perché è dal 1981 che sono iniziate le rilevazioni satellitari.

Per gli esperti uno scioglimento così repentino dei ghiacci può attribuirsi in parte all’aumento globale della temperatura, provocato dalle forti emissioni di CO2, e in parte all’impatto dei forti cicloni che hanno investito la zona nel mese di Agosto.

Qualunque siano le cause, il fenomeno desta comunque gradi preoccupazioni perché le conseguenze sul Pianeta di un ulteriore incremento del ritiro dei ghiacci potrebbero essere inattese e incontrollabili, senza voler considerare quelle propriamente legate all’ecosistema locale provocato da un calo delle temperature, stimato tra i 5 e i 10 gradi centigradi.

Questo stravolgimento climatico porterebbe inevitabilmente a un incremento degli eventi meteorologici estremi, quali l’intensificazione di freddo, inondazioni, cicloni, tifoni, trombe d’aria e quant’altro.

Redazione News24G

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *